Samuel Davis Samuel Davis


(Indie occidentali  1760 – Birdhurst Lodge, presso Croydon, 16.6.1819)

Samuel Davis, disegnatore e orientalista, nacque nel 1760 nelle Indie occidentali, dove suo padre John era commissario generale. Dopo la morte del padre rientrò in Inghilterra con la madre (una scozzese nata Phillips) e due sorelle. Nel 1778 fu nominato cadetto della East India Company per Madras, dove arrivò nel 1780.

Nel 1783 fu scelto dal governatore generale Warren Hastings come disegnatore e topografo della missione diplomatica diretta in Tibet, alla corte del Panchen Lama a Shigatse, con lo scopo di ristabilire i contatti già avviati nel 1774 da George Bogle. La missione, guidata da Samuel Turner, cugino di Warren Hastings, e comprendente anche il naturalista (botanico e medico) Robert Saunders, partì da Calcutta fra l’aprile e il maggio 1783 e raggiunse Punakha, capitale del Bhutan, il 1° giugno dello stesso anno. Dopo oltre tre mesi di attesa la missione ottenne il permesso di entrare in Tibet, ma solo con due componenti, cioè un numero non superiore a quello della precedente missione; così, mentre Turner e Saunders proseguivano il viaggio fino a Shigatse, raggiunta il 22 settembre 1783, Davis rimase in Bhutan.

La partecipazione alla missione Turner fu comunque produttiva per Davis, in quanto questi, prima di rientrare in India, realizzò una accurata documentazione dell’architettura e della topografia del Bhutan, tramite una serie di acquerelli e disegni a lapis. Scrisse anche un diario, alcuni estratti del quale uscirono postumi: Remarks on the Religious and Social Institutions of the Bouteas, or Inhabitants of Boutan, Asiatic Researches, vol. II, 1830, pp. 491-517 (contenente anche parte dei disegni e acquerelli).

Già all’inizio della sua carriera, a Bhagalpur, conobbe il famoso avvocato ed erudito sir William Jones (1746-1794), conosciuto anche come ‘Oriental Jones’, del quale divenne intimo amico e collaboratore. Fu un importante membro della Asiatic Society of Bengal, fondata proprio da Jones e autore di importanti saggi sull’astronomia indiana pubblicati su “Asiatick Researches”: On the astronomical computations of the Hindus (1790); On the Indian cycle of sixty years (1792).

Nel 1792 divenne membro della Royal Society. Nel 1794, mentre si trovava a Burdwan, sposò Henrietta Boileau (1773-1853), dalla quale ebbe undici figli. Il maggiore dei quattro figli maschi, sir John Francis Davis (London 16.7.1795 – Hollywood Tower 13.11.1890), fece parte con Thomas Manning dell’ambasceria di Lord Amherst a Pechino nel 1817 e divenne il secondo governatore di Hong Kong.

Su S. Davis si veda la voce di Michael Aris in ODNB 2004, vol. 15, pp. 468-469.

[Scheda redatta nel luglio 2009 da E.G. Bargiacchi]

Scarica in formato PDF