La Biografia di Desideri

Nella primavera 2006 ho completato una nuova opera: una sintetica, seppur completa e documentata biografia di Ippolito Desideri.

Il libro, pubblicato dalla Brigata del Leoncino di Pistoia, è stato presentato il 5 maggio 2006 nella Sala Maggiore del Palazzo Comunale di Pistoia da Antonio Frintino (presidente della Brigata del Leoncino), Cesare Sartori (giornalista), Fabio Scialpi (docente di Indologia e di Storia delle religioni nelle Università di Roma e della Basilicata, in rappresentanza dell’IsIAO per la malattia del presidente Gherardo Gnoli), Leonardo Rombai (docente di Geografia nell’Università di Firenze) e Nicola Gasbarro (docente di Storia delle religioni nell’Università di Udine). La presentazione era stata annunciata nelle pagine pistoiesi del quotidiano “La Nazione”: 30.4.2006 (p. IX, Lorenzo Maffucci, Ha portato a Pistoia un po’ di mondo), 4.5.2006 (p. X, Il pistoiese che scoprì il Tibet e il buddhismo), 5.5.2006 (p. XIII, Desideri e il Tibet).

Il libro è stato accolto con grande calore in una seconda presentazione a Roma mercoledì 14 febbraio 2007, ore 17, presso la sede della Società Geografica Italiana (Villa Celimontana – Via della Navicella 12), dove è stato introdotto dai geografi Andrea Cantile dell’I.G.M. (direttore de “L’Universo”) e Claudio Cerreti dell’Università di Roma (direttore del “Bollettino della Società Geografica Italiana”), dallo storico delle religioni Nicola Gasbarro (Università di Udine), dal gesuita Tommaso Guadagno, direttore nazionale dell’Apostolato della preghiera e da Maria Angela Falà (Università di Roma), direttrice del trimestrale “Dharma” e vicepresidente dell’Unione Buddhista Europea. Da segnalare l’intervento del prof. Franco Salvatori, presidente della S.G.I., il quale ha annunciato la disponibilità ad un suo impegno diretto per la presentazione della nuova pubblicazione (bibliografia desideriana) annunciata in quella occasione. Segnalazione della presentazione del volume alla S.G.I. su “La Nazione” (martedì 13.2.2007, p. IX / Agenda Pistoia, A Roma la biografia di Desideri) e su “L’Universo” (a. LXXXVII, n. 2, aprile-maggio 2007, pp. pp. 299-300). Recensioni di questa sintesi biografica sono uscite su “Il Tirreno” (giovedì 15.6.2006, p. IV / Pistoia, Paolo Gestri, I segreti dell’esploratore Desideri nell’ultima fatica di Bargiacchi), “Geostorie” (Bollettino e notiziario del Centro italiano per gli studi storico-geografici, gennaio-agosto 2006, p. 112, Francesco Surdich), “Bullettino Storico Pistoiese” (2006, pp. 206-208, Renato Risaliti), “Avventure nel Mondo” (gennaio-giugno 2007, pp. 123-124, Fausto Angeletti), “L’Universo” (a. LXXXVII, n. 2, aprile-maggio 2007, pp. 299-300, Stefano Caciolli), “La Civiltà Cattolica” (21.7.2007, pp. 206-207, Tommaso Guadagno), “Bollettino della Società Geografica Italiana” (luglio-settembre 2007, p. 795, Claudio Cerreti), “La Vita” (a. 110, n. 45, domenica 16.12.2007, Mariangela Maraviglia, L’avventura tibetana di Ippolito Desideri), “Il Libro Aperto”. Notiziario trimestrale della Sezione di Pistoia del Club Alpino Italiano (a. XIX, n. 3, dicembre 2007, p. 11, Rita Corrieri Becherucci, Ippolito Desideri, pistoiese, primo escursionista europeo in Himalaya), “Rivista Geografica Italiana” (dicembre 2007, pp. 666-667, Leonardo Rombai). Informazioni complete nell’Appendice bibliografica. Su questa opera si è detto:

    Mettendo a frutto anni di ricerche sui viaggi e sugli scritti di Ippolito Desideri […] l’A. ci offre un documentato profilo di questo missionario gesuita preso in considerazione sia dal punto di vista psicologico che culturale e religioso, mettendone in evidenza la forte personalità dotata di una particolare capacità razionale suffragata da una solida preparazione teologica, che gli permisero di cogliere e di trasmettere l’essenza della realtà culturale e religiosa tibetana fino ad allora pressoché sconosciuta al mondo occidentale [F. Surdich, “Geostorie”, gennaio-agosto 2006, p. 112].     Sono rimasto affascinato dallo stile e contenuto [del libro… ], scrive in modo così umano, ricco, pieno di vita e vicinanza al lettore [Mariano Ballester S.J., biglietto manoscritto inviato all’autore, da Roma, 18.5.2006].     […] appassionante il lavoro su Desideri, così ben documentato, preciso, ricco di dettagli e di osservazioni profonde come quella sulla confessione […] le citazioni riportate [di Desideri] sempre così vive che sembra di esserci e di condividere con lui avversità, freddo, entusiasmi e frustrazioni [Gian Carlo Castelli, lettera dattiloscritta inviata all’autore da Anguillara, Roma, 12.6.2006].     Non si può affatto sottovalutare l’importanza di questo libro di modeste proporzioni, ma di notevole spessore interpretativo della figura del più versatile ingegno che abbia mai avuto la città di Pistoia. […] Non c’è dubbio che Enzo Bargiacchi riesca a darci un profilo umano e psicologico di Ippolito Desideri […] Lo scritto di Enzo Bargiacchi è una penetrante, agile e ricca opera bibliografica dell’impresa imperitura di Ippolito Desideri [R. Risaliti, “Bullettino Storico Pistoiese”, 2006, pp. 206-208].     Bargiacchi ci restituisce un quadro dettagliato del personaggio [… e] la vivezza della narrazione del terribile viaggio è tale da farci partecipi delle sofferenze delle speranze e delle frustrazioni del missionario pistoiese, quasi fossimo lì con lui. Tutta l’opera infatti si legge come un avvincente romanzo, scorrevole e godibile, con uno stile sempre sintetico ed esaustivo, con una prosa di grande efficacia in cui traspaiono la sincera passione di studioso e ricercatore e l’umana simpatia per questo straordinario [] personaggio [F. Angeletti, “Avventure nel Mondo”, gennaio-giugno 2007, pp. 123-124]     Da rilevare […] la rispondenza fra il testo di Desideri e le proprie considerazioni che Bargiacchi intercala con notazioni di viaggio riferite agli stessi luoghi visitati in tempi recenti; ne scaturisce una dimensione del viaggio molto particolare e perfettamente contestualizzata anche per l’aspetto geografico. […] dagli spunti che Gasbarro definisce del viaggio responsabile […] si arriva all’intrinseco messaggio di pace nascosto nelle pieghe della comprensione dell’altro attraverso notazioni di carattere storico, antropologico, religioso, scientifico e sociale; ne risulta un libro estremamente piacevole e vario [S. Caciolli, “L’Universo”, aprile-maggio 2007, pp. 299-300].     Il presente volume è una biografia in uno stile narrativo piacevole e accattivante, a partire dalle fonti originali e dai manoscritti del p. Desideri […] Dalle pagine della biografia emerge anche la figura del vero gesuita, in cui si incarna il carisma della Compagnia di Gesù […] Si potrebbe affermare che in tal modo p. Desideri visse il superamento dell’io egocentrico, che accomuna il cristianesimo e il buddismo, e che apre il passaggio a una dimensione più universale [T. Guadagno, “La Civiltà Cattolica”, 21.7.2007, pp. 206-207].     Bargiacchi […] rende piena giustizia al viaggiatore [Desideri] dandone una biografia stringata ed efficace, piacevolissima a leggere, chiara e illuminante – e documentata da capo a fondo malgrado la scelta, qui, di tenere l’informazione su un piano appena preliminare, nell’attesa (che speriamo breve) di dare alle stampe un testo più […] dettagliato [C. Cerreti, “Bollettino della Società Geografica Italiana”, luglio-settembre 2007, p. 795].     Dopo la pubblicazione nel 2003 de La Relazione di Ippolito Desideri, Enzo Gualtiero Bargiacchi ha dedicato altri due corposi ed apprezzabili studi alla messa a fuoco della figura e dell’opera del missionario gesuita pistoiese […] Con il volume del 2006, Bargiacchi – appoggiandosi ad un’amplissima letteratura critica a base multidisciplinare e alle tanti fonti archivistiche conservate soprattutto nel romano Archivio Storico della Compagnia di Gesù – provvede a ricostruire con mano sicura e con grande dettaglio la biografia di Ippolito Desideri [L. Rombai, “Rivista Geografica Italiana”, dicembre 2007, pp. 666-667].     Volume agile e nello stesso tempo rigoroso, il libro fa rivivere, sulla scorta delle fonti e dei manoscritti originali che Bargiacchi conosce e padroneggia completamente l’avventura desideriana e insieme il profilo religioso e intellettuale del suo protagonista e la sua singolare capacità di addentrarsi in mondi culturali lontanissimi, inesplorati fino ai suoi tempi [Mariangela Maraviglia, “La Vita”, 16.12.2007, p. 2].     Testo […] sicuramente interessante per molteplici aspetti e quindi da consigliare a chi vuole scoprire e conoscere il nostro Marco Polo dei monti, missionario pistoiese rispettoso e attento alle culture delle etnie che incontrava [Rita CORRIERI BECHERUCCI, “Il Libro Aperto”, dicembre 2007, p. 11].

Le ultime copie di questa prima stesura della biografia di Desideri, che sarà seguita da una versione molto più ampia e documentata in corso di redazione, possono essere richieste alla  Taberna Libraria di Federica Lucarelli (via della Rosa, 38 – 51100 Pistoia – tel. 0573 994562, fax 0573 307270 – e-mail: info@tabernalibraria.com ). [Segue]

Progetto Desideri: PR.D.01Premessa, PR.D.02Ricerche, PR.D.03Inizio, PR.D.04StoriaRelaz., PR.D.05Conf.2004-6, PR.D.06Art.2004-6, PR.D.07BiografiaD., PR.D.08Bibliogr.D., PR.D.09Conf.2007, PR.D.10Ev.2008, PR.D.11Atlanta2008, PR.D.12Ev.2009, PR.D.13Ev.2010, PR.D.Sviluppi, PR.D.zzApp.Bibliogr.